Web Content Viewer (JSR 286) 15min

Azioni
Caricamento...

Altri contenuti – Whistleblowing

In attuazione della Direttiva (UE) 2019/1937, è stato emanato il d.lgs. n. 24 del 10 marzo 2023 riguardante “la protezione delle persone che segnalano violazioni del diritto dell'Unione e recante disposizioni riguardanti la protezione delle persone che segnalano violazioni delle disposizioni normative nazionali”.
Il decreto è entrato in vigore il 30 marzo 2023 e le disposizioni ivi previste hanno effetto a partire dal 15 luglio 2023. 

Cosa si può segnalare
L’oggetto della segnalazione è ampio e riguarda azioni od omissioni inerenti “violazioni di disposizioni normative nazionali o dell'Unione europea che ledono l'interesse pubblico o l'integrità dell'amministrazione pubblica o dell'ente privato, di cui siano venute a conoscenza in un contesto lavorativo pubblico o privato”.
Il decreto definisce «violazioni»:

  1. illeciti amministrativi, contabili, civili o penali;
  2. condotte illecite rilevanti ai sensi del decreto legislativo 8 giugno 2001, n. 231, o violazioni dei modelli di organizzazione e gestione ivi previsti;
  3. illeciti che rientrano nell'ambito di applicazione degli atti dell'Unione europea o nazionali indicati nell'allegato al decreto Dlgs 24 del 2023 ovvero degli atti nazionali che costituiscono attuazione degli atti dell'Unione europea indicati nell'allegato alla direttiva (UE) 2019/1937, seppur non indicati nel citato allegato, relativi ai seguenti settori: appalti pubblici; servizi, prodotti e mercati finanziari e prevenzione del riciclaggio e del finanziamento del terrorismo; sicurezza e conformità dei prodotti; sicurezza dei trasporti; tutela dell'ambiente; radioprotezione e sicurezza nucleare; sicurezza degli alimenti e dei mangimi e salute e benessere degli animali; salute pubblica; protezione dei consumatori; tutela della vita privata e protezione dei dati personali e sicurezza delle reti e dei sistemi informativi;
  4. atti od omissioni che ledono gli interessi finanziari dell’Unione;
  5. atti od omissioni riguardanti il mercato interno;
  6. atti o comportamenti che vanificano l’oggetto o la finalità delle disposizioni di cui agli atti dell’Unione.

Soggetti che possono effettuare la segnalazione
È considerata persona segnalante la persona fisica che effettua la segnalazione o la divulgazione pubblica di informazioni sulle violazioni acquisite nell'ambito del proprio contesto lavorativo.
Possono presentare segnalazioni al Responsabile della Prevenzione della Corruzione e la Trasparenza (RPCT) di ARIA S.p.A. i soggetti di seguito indicati:

  • i dipendenti di ARIA S.p.A., sia con contratto di lavoro a tempo indeterminato, sia con contratto di lavoro a tempo determinato;
  • i lavoratori autonomi che svolgono la propria attività lavorativa presso ARIA S.p.A.; 
  • i lavoratori o collaboratori che svolgono la propria attività lavorativa presso ARIA S.p.A.  che forniscono beni o servizi o che realizzano opere in favore di terzi 
  • i liberi professionisti e consulenti che prestano la propria attività presso ARIA S.p.A.;
  • i volontari e tirocinanti, retribuiti e non retribuiti, che prestano la propria attività presso ARIA S.p.A.;
  • persone con funzioni di amministrazione, direzione, controllo, vigilanza o rappresentanza, anche qualora tali funzioni siano esercitate in via di mero fatto, presso soggetti del settore pubblico ARIA S.p.A.

A chi segnalare
Il soggetto destinatario della segnalazione è il Responsabile della Prevenzione della Corruzione e la Trasparenza (RPCT)

Come segnalare
IL CANALE INTERNO
Per agevolare l’utilizzo di questo importante strumento di contrasto e di prevenzione di illeciti, ARIA S.p.A. mette a disposizione differenti modalità di invio delle segnalazioni:

  1. Piattaforma informatica crittografata (assolutamente raccomandata in via prioritaria)
  2. Servizio Postale Ordinario.  
  3. Orale mediante incontro diretto con il RPCT.

Modalità di segnalazione di prossima attivazione:

  1. Orale mediante l’utilizzo di una linea telefonica dedicata.

IL CANALE ESTERNO
I segnalanti possono utilizzare il canale esterno (ANAC) quando:

  • non è prevista, nell’ambito del contesto lavorativo, l’attivazione obbligatoria del canale di segnalazione interna ovvero questo, anche se obbligatorio, non è attivo o, anche se attivato, non è conforme a quanto richiesto dalla legge;
  • la persona segnalante ha già effettuato una segnalazione interna e la stessa non ha avuto seguito;
  • la persona segnalante ha fondati motivi di ritenere che, se effettuasse una segnalazione interna, alla stessa non sarebbe dato efficace seguito ovvero che la stessa segnalazione potrebbe determinare un rischio di ritorsione;
  • la persona segnalante ha fondato motivo di ritenere che la violazione possa costituire un pericolo imminente o palese per il pubblico interesse;

In tali casi è possibile accedere all’applicazione dell’ANAC tramite il portale dei servizi ANAC al seguente link: https://whistleblowing.anticorruzione.it
I segnalanti possono effettuare direttamente una divulgazione pubblica quando:

  • la persona segnalante ha previamente effettuato una segnalazione interna ed esterna ovvero ha effettuato direttamente una segnalazione esterna e non è stato dato riscontro entro i termini stabiliti in merito alle misure previste o adottate per dare seguito alle segnalazioni;
  • la persona segnalante ha fondato motivo di ritenere che la violazione possa costituire un pericolo imminente o palese per il pubblico interesse;
  • la persona segnalante ha fondato motivo di ritenere che la segnalazione esterna possa comportare il rischio di ritorsioni o possa non avere efficace seguito in ragione delle specifiche circostanze del caso concreto, come quelle in cui possano essere occultate o distrutte prove oppure in cui vi sia fondato timore che chi ha ricevuto la segnalazione possa essere colluso con l'autore della violazione o coinvolto nella violazione stessa.

Condizioni per la segnalazione
Ragionevolezza

Al momento della segnalazione o della denuncia all'autorità giudiziaria o contabile o della divulgazione pubblica, la persona segnalante o denunciante deve avere un ragionevole e fondato motivo di ritenere che le informazioni sulle violazioni segnalate, divulgate pubblicamente o denunciate siano vere e rientrino nell'ambito della normativa.

Modulo cartaceo per Segnalazione Illeciti

Documento OpenOffice - 85 KB

Per accedere alla piattaforma cliccare: https://gestioneilleciti.ariaspa.it

Manuale Utente

Documento PDF - 781 KB

Videotutorial

- 28,53 MB

Informativa relativa al trattamento dei dati personali

Documento PDF - 194 KB